Premi "Enter" per andare al contenuto

Un piatto di pasta…e la cena è salva!

2° appuntamento con Ti Cucino la Dieta e la protagonista è la pasta, un piatto semplice e nutriente anche a cena!

Come ho già spiegato nell’articolo  La regola del pasto completo, lo scopo di ogni laboratorio è creare un menù mediterraneo completo  in cui  approfondisco le caratteristiche nutrizionali degli ingredienti scelti.

Vediamo in dettaglio il menù del 2° laboratorio:

Menù del 2°laboratorio Ti Cucino la Dieta

Per iniziare il pasto ho preparato una lattuga varietà Lollo rossa con semi di girasole e zucca tostati e pestati.

È bene sottolineare due aspetti nutrizionali di questo antipasto-contorno:

  • I vegetali contengono phitochemicals che non solo conferiscono colore (pensate al rosso dell’uva e del pomodoro) e odore (pensate ai cavoli o alle cipolle), ma hanno un’azione biologica sulle nostre cellule: così, ad esempio, proteggono il dna dai radicali liberi, fungendo da antiossidanti. 
  • I semi oleosi includono grassi buoni, sali minerali, proteine e tanta fibra. Sono semi quindi contengono tutto il bagaglio nutrizionale per la futura pianta!

Lattuga varietà Lollo Rossa con semi di girasole e zucca

Ora veniamo al piatto forte di questo laboratorio: Pasta & Piselli al Golden Tomato

Ho cucinato un sugo a base di piselli freschi e salsa di pomodoro aromatizzata con la curcuma, è la spezia che conferisce un colore cangiante-dorato al sugo; ho aggiunto aglio fresco tritato a crudo e peperoncino. Ho scelto dei rigatoni di grano integrale perché la crusca, contenuta nella semola, dona alla pasta non solo un maggior potere saziante ma anche maggior contenuto di proteine e sali minerali.

Per evitare che la pasta venga bandita dalla nostra tavola è importante tenere in considerazione alcuni aspetti:

  • leggere l’etichetta sulla confezione, perché capire che tipo prodotto stiamo acquistando è fondamentale; la legge ci viene incontro con una nuova etichettatura (consulta nuova etichettatura pasta)
  • una buona pasta ha un alto contenuto in proteine e in fibra
  • una buona pasta tiene la cottura, ha una consistenza omogenea. E’ importante rispettare i tempi di cottura indicati sulla confezione ed, in generale, mangiarla al dente
  •  “se il glutine è di buona qualità forma una rete attorno all’amido, impedendogli di fuoriuscire dalla pasta e di diventare collosa. Alcune tipologie di pasta ottenute con semole con una componente scadente di glutine risultano scotte all’esterno e crude all’interno” (fonte Altroconsumo)

Pasta e Piselli freschi al Golden Tomato

Non ci sono evidenze scientifiche sul potere ingrassante della pasta;  scegliere il giusto condimento e  variare il tipo di semola di cui è fatta (esempio al Farro o Grano Saraceno) sono due ottime strategie per evitare brutte sorprese sulla bilancia!

Consulta il nuovo calendario 2019 di Ti Cucino La Dieta e compila la scheda d’iscrizione per partecipare ai laboratori di educazione alimentare in cucina!

 

 

 

Commenta questo articolo prima di tutti

Lascia un commento